Quora violazione dei dati di 100 milioni di clienti

Recentemente, Quora ha segnalato una violazione dei dati che ha interessato la sua base di 100 milioni di utenti. I dettagli compromessi includevano nome degli utenti, nomi completi, indirizzi e-mail, dati importati da Facebook e Twitter, password. Gli hacker sconosciuti hanno anche violato i contenuti non pubblici come downvotes, messaggi diretti, richieste di risposta ecc. Anche il materiale pubblico come domande e risposte è stato influenzato dall’incidente.

A proposito di Quora

Quora è un sito web pubblicato da Quora Inc., ha sede a Mountain View, in California. La società è stata fondata nel giugno 2009 e i siti Web erano disponibili per gli utenti dal 21 giugno 2010. Questo sito Web è principalmente siti Web di domande e risposte. La comunità ha risposto, modificato, organizzato e persino posto domande agli utenti sotto forma di opinioni. Ora, è la più grande piattaforma di domande e risposte con 300 milioni di utenti mensili.

Quora dopo la violazione dei dati

Adam D’Angelo, Co-fondatore del Quora, ha notato che la loro squadra sta facendo del suo meglio affinché la situazione sia consegnata correttamente.

“Vogliamo anche essere il più trasparenti possibile senza compromettere i nostri sistemi di sicurezza oi passi che stiamo compiendo, e in questo post condivideremo cosa è successo, quali informazioni sono state coinvolte, cosa stiamo facendo e cosa puoi fare .

Siamo molto dispiaciuti per qualsiasi preoccupazione o inconveniente che ciò possa causare. “

Quora sta prendendo molto sul serio l’incidente. Presto riportò l’incidente alle autorità; le squadre forensi interne e terze stanno indagando sull’incidente. Hanno informato tutte le parti interessate relativamente rapidamente.

Nessuna informazione sensibile è stata violata

Quora utilizza una politica del nome reale, indica gli utenti che desiderano registrare un account con Quora e devono utilizzare il loro nome reale anziché il nome di ogni penna. Possono optare per la pubblicazione anonima dopo alcune attività sui siti. Quindi, gli utenti che hanno scelto di pubblicare in modo anonimo, sono sicuri.

Secondo Adam D’Angelo, “il compromesso dell’account e di altre informazioni private è serio”. Quora non raccoglie informazioni sensibili. Pertanto, i dettagli violati sono stati inclusi dettagli di sicurezza sociale o informazioni sulla carta di credito.

Le vittime dovrebbero cambiare le loro password

Quora menzionato nel loro post, le vittime che utilizzano le stesse password per i loro account multipli dovrebbero cambiare immediatamente le loro password. Gli utenti interessati verranno automaticamente disconnessi dai propri account e verrà richiesto di reimpostare le password.