Food Bank si rifiuta di pagare la tassa di riscatto dopo l’attacco di GlobeImposter

Auburn Food Bank, un’organizzazione che fornisce cibo gratis a chi ne ha bisogno, rifiuta di pagare la tariffa di riscatto richiesta dai cyber-criminali che sono riusciti ad attaccare i server della Food Bank da Gloelmposter 2.0 ransomware che blocca l’accesso alle e-mail dei dipendenti dell’organizzazione. I funzionari della Banca alimentare hanno deciso di chiedere l’aiuto per aiutarli a pagare la tassa di riscatto.

Non ci sono molte informazioni sul modo in cui il ransomware è stato intruso o quanto è richiesto il riscatto. L’incidente è avvenuto il 5 giugno al mattino verso le 2 del mattino quando l’ufficio era vuoto. Poco dopo l’individuazione, i componenti dannosi sono stati eliminati. Ora, si stanno concentrando sulla ricostruzione della rete poiché pagare un riscatto non è un’opzione.

L’organizzazione evita di pagare un riscatto

Debbie Christian, il direttore che la Food Bank ha deciso per l’organizzazione benefica. Quel denaro raccolto non verrà utilizzato per il pagamento del riscatto, ma utilizzato nella rete che ha stimato un costo fino a $ 8.000 rispetto ai creatori di ransomware di GlobeImposter richiesti gratuitamente ($ 10.000 in Bitcoin) è piccolo.

Secondo i funzionari:

Non pagare il riscatto, ma pagare le spese per ricreare il nostro sistema informatico. Non abbiamo budget di questo tipo e siamo alla fine del nostro anno fiscale e ci dirigiamo verso l’estate quando i soldi sono già più stretti.

La richiesta di riscatto consegnata nel formato html in un file chiamato COME DECODERE I FILTRI YOUHTML. Contiene email di contatto e un ID univoco. Offre la decrittografia gratuita di un file per il test. Per ottenere la fiducia, i criminali informatici offrono la decifrazione del test. Non ha senso avere fiducia in loro.

Le organizzazioni sono i principali obiettivi del ransomware

Ci sono molte organizzazioni diverse dalla Food Bank che sono state vittime del ransomware. Tutte queste grandi organizzazioni hanno evitato di pagare la tassa di riscatto. Sapevano che il pagamento non è solo una soluzione per il recupero dei dati.

I ricercatori suggeriscono di evitare di pagare una tassa di riscatto in quanto i criminali informatici non sono affidabili. Utilizzare una buona opzione di sicurezza IT piuttosto che optare per pagare la tassa di riscatto agli attori malintenzionati. In questo caso, la Banca alimentare offre alle persone di contribuire a loro. Questo può essere fatto tramite una volta / mensile / annuale / trimestrale.