China produced microchips era solito spiare le maggiori compagnie americane

Secondo le relazioni di Business Week di Bloomberg (“Global IT and Technology Company”), la scheda madre dei server dei super-microprocessori utilizzata in oltre 30 diverse società multinazionali statunitensi viene utilizzata per la sorveglianza dalla Cina. Questo minuscolo microchip è piccolo come la punta di una penna. Questo chip che è stato originariamente sviluppato dalla compagnia americana “Super Micro”. Ma durante il processo di fabbricazione in Cina, i loro gruppi affiliati governativi lo hanno modificato. Con questo, la Cina sta conducendo spionaggio sull’intelligence americana, sulle agenzie militari, sulle principali banche e su così tanti server aziendali interni dell’America.

Bloomberg afferma: “Questo attacco è molto severo, molto più grave degli attacchi basati sul software che il mondo conosceva fino ad ora. Questo è un hacking hardware e quindi è molto più difficile da realizzare. È molto più grave e devastante.

Attacco hardware rilevato nel 2015:

Il servizio video di Amazon o Amazon Prime Video è ora molto popolare e ha milioni di utenti. Amazon inizia a comunicare con Elemental Technologies per estendere o comprimere il suo servizio video. Questa offerta è stata affidata a società di sicurezza di terzi che hanno rilevato alcuni problemi relativi ai microchip. Scoprono che i chip sono stati realizzati con più attrezzature piuttosto che originali e variano anche in termini di condivisione e dimensioni. È stato rilevato che una piccola penna come un microchip è incorporata o incorporata su di essa. Arrivano alla conclusione che questo microchip malevolo ha aggiunto per infrangere la sicurezza e raccoglie dati cruciali e credenziali di utenti innocenti.

Dopo tutto, il dispositivo compromesso era estremamente piccolo e anche la sua funzionalità era ridotta, ma è significativa. Questo chip malevolo era programmato per comunicare facilmente con numerosi computer che erano pacchetti sotto pacchetti con codice potente o sofisticato al suo interno. È stato realizzato in modo tale che il dispositivo sia forzato o in grado di accettare tali codici.

Gli hacker potrebbero raggiungere facilmente i loro obiettivi con l’aiuto di questo chip dannoso e alterano rapidamente la funzione di tale dispositivo con l’aiuto del chip di compromesso.

Apple ha anche scritto sulla dichiarazione Bloomberg:

Una cosa possiamo chiarire che Apple non ha mai trovato chip dannosi o “manipolazione hardware” impiantati in nessun server. Apple non ha mai avuto alcun contatto con l’FBI o altre agenzie su questo tipo di incidenti.

A seguito di questa reazione, Super Micro ha affermato di non essere mai stata contattata da funzionari governativi a causa di questo problema. Non sono a conoscenza del fatto che nessun cliente abbia eliminato Super micro come fornitore per questo problema.

Dichiarazione della Cina in merito:

Alla fine, il Ministero degli Affari Esteri cinese ha anche affermato a tale proposito che il paese è difensore della sicurezza informatica e non ha offerto o condotto attività di questo tipo.